Marchisio Carbozefir


Base price:3,653.59 $
Current price:3,653.59 $
Discount:-730.72 $
Your price:2,922.87 $
Quantity



Question about this product?

termsInfo taxes, term and conditions

Tell a friend

  • Description
  • Specifications
Delivery time: 2 weeks

Con la nuova CARBOZEFIR nasce un nuovo concetto di ruota in carbonio, una ruota affidabile da “ usare sempre ” e non solamente in corsa o per uscite speciali.
Un affidabilità estrema che non snatura le riconosciute caratteristiche di leggerezza e reattività del carbonio, ma anzi le esalta !
Solo eliminando problematiche come la rottura raggi e le continue regolazioni della centratura si possono veramente sfruttare le grandi prestazioni che una ruota in carbonio può offrire.
La scelta dei migliori materiali ,delle migliori tecnologie e un attento progetto, nato da innumerevoli test su strada ed in laboratorio, hanno reso possibile la realizzazione di una coppia di ruote che rende massima la trasmissione del momento torcente ; nonché una reattività e resistenza di livello superiore.
Tutto questo , unito ad attenti processi di montaggio, ad un accurato rodaggio ed all`assistenza post-vendita Marchisio rende la nuova CARBOZEFIR un prodotto unico , capace di aggiungere valore e di esaltare le doti di ogni specialissima.

LA PROGETTAZIONE COME RISOLUZIONE DEI PROBLEMI

È evidente che la creazione di una ruota con tali caratteristiche necessita in primo luogo di un progetto accurato, capace di esaminare tutti i possibili problemi e mirare a soluzioni ottimali.
Di seguito viene riportata una serie di brevi esempi con cui si analizzano alcune delle problematiche tipiche delle ruote in carbonio e le soluzioni tecnologiche attuate sulla CARBOZEFIR per risolverle.

Cerchio in carbonio

Il cerchio in carbonio , come è noto, possiede grandi qualità in termini di leggerezza e resistenza alla flessione.
Ma questo non basta a risolvere i frequenti problemi di rottura che si osservano nella zona di frenata e peggio ancora in prossimità dei fori dei nipples
Per questo nella CARBOZEFIR si utilizza un cerchio di 38.5 mm con intrecci di fibre differenziate nelle parti critiche e con spessori maggiorati nelle zone di ancoraggio nipples e pista frenante .

Nipples e rottura raggi

Nei cerchi in carbonio, in particolare in quelli rinforzati, i nipples tradizionali (e di conseguenza i raggi) difficilmente si orientano perfettamente. Questo è uno dei motivi per cui le ruote anche se perfettamente montate tendono spesso a scentrarsi, e fatalmente dopo qualche tempo si arriva alla rottura dei raggi.
Le soluzione adottata sulla CARBOZEFIR consiste nell`utilizzo di nipples autodirazionali di nostra
progettazione e produzione che posizionano sempre il raggio nella condizione di lavoro migliore.

Scelta della raggiatura e delle tensioni applicate

La raggiatura in base al cerchio è una delle scelte da cui dipendono molte delle caratteristiche della ruota. Un basso numero di raggi crea flessioni non controllate che a lungo andare possono portare a rotture, mentre un elevato numero di raggi aumenta il peso della ruota.
Per trovare la soluzione ottimale nella CARBOZEFIR sono stati eseguiti svariati test, montando ruote con diverse raggiature, simulando il corridore negli sforzi laterali ed effettuando le misure delle deformazioni in essere.
Al termine di queste verifiche è stata scelta una raggiatura 20-24 con tiro tangenziale che utilizza raggi aerodinamici modello ultra piatto a sezione variabile.
Inoltre nella ruota posteriore,dal lato della ruota libera (punto dove un risparmio di peso può risultare disastroso) vengono utilizzati raggi a sezione maggiorata in prossimità della testa per la massima trasmissione del momento torcente.
Da questo stesso studio sono state rilevate anche le tensioni ottimali di funzionamento.

Mozzi : alloggiamenti raggi e inclinazione ottimale

Un problema spesso sottovalutato è quello della scelta ottimale delle inclinazioni nonché della sede dei raggi sui mozzi. Una sede non adeguata a seguire e guidare il raggio per via di una inclinazione che non tiene conto della geometria dei fori del cerchio è una delle cause principali di tutti i problemi di affidabilità delle ruote da corsa.
I mozzi Marchisio della CARBOZEFIR come tutti i mozzi Marchisio, utilizzano sedi dalla inclinazione ottimale ottenute dal pieno, senza lavorazioni di ripresa, tali da garantire il miglior appoggio per ogni raggio oltre ad una inclinazione di lavoro perfetta.
Questi piccoli esempi danno l`idea di quanto il processo per la realizzazione di un prodotto di qualità sia complesso, e di come le soluzioni a problemi diversi, debbano essere sempre legate tra loro.

MONTAGGIO

Il montaggio delle Carbozefir è completamente eseguito a mano.
Particolare cura viene prestata alla tensionatura dei raggi, eseguita con scrupolo e verificata manualmente.
Tale controllo è totale,cioè avviene su tutti i raggi di tutte le ruote.
L`operazione di assestamento e la modalità con cui essa viene praticata varia da ruota a ruota ed è differente a seconda del numero dei raggi ,dai materiali e dalle lavorazioni eseguite.
Quindi l`operazione di assestamento delle CARBOZEFIR tiene conto delle caratteristiche intrinseche della ruota.
Essa è eseguita ad oltranza,cioè sino a quando,verificandone gli effetti, non si verificano più variazioni apprezzabili in termini di centratura.
In questo modo la ruota è pronta per essere sottoposta al prerodaggio per verificare non vi siano difetti di sbandamento laterale,radiale e campanatura.
Solo a questo punto una carbozefir,e pronta per macinare chilometri.

TEST

La CARBOZEFIR come tutte le ruote da noi prodotte,è soggetta a svariate prove per verificarne la funzionalità.
I test sono differenti a seconda di ciò che si vuole esaminare.
Si possono suddividere in 3 differenti categorie
1)Test di resistenza meccanica.
In questa fase viene usato un simulatore di sforzi da noi progettato e costruito.
Esso può esercitare: una coppia torcente,che simula lo sforzo di pedalata.
Una flessione laterale analoga a quella che si ha quando si è in curva a forte velocità
Una sollecitazione combinata di torsione e flessione laterale equivalente ad un ciclista che affronta una salita “sui pedali” provocando cosi quel classico dondolio della bicicletta così nefasto per le ruote.
Una sollecitazione di vibrazione dove viene ricreata una sorta di Paris-Roubais.
Infine un test di frenata dove vengono scelti i pattini da freno più adeguati al cerchio e non ultimo si valutano gli aspetti termici della frenata e le loro conseguenze.
2)Test su strada
Tale test è semplicemente l`utilizzo delle ruote da parte di squadre professionistiche o dilettantistiche.
Per ragioni di sicurezza viene eseguito solo dopo la prima sessione di test di resistenza meccanica.
In questa fase si osserva il funzionamento generale con particolare accento agli effetti degli agenti atmosferici e all`usura reale che la ruota subisce.
Normalmente dura una stagione di gare e allenamenti.
3)Test dei rumori.
Tale test è eseguito direttamente dai nostri progettisti, i quali, sono anche ottimi ciclisti.
Anche in questo caso le ruote vengono utilizzate per diversi mesi compiendo pianura,salita e scatti.
Al presentarsi di un cigolio,scricchiolio o rumorino di sorta il progettista che ben consce il prodotto,può quindi scoprirne le cause ed intervenire adeguatamente

RUOTA COPERTA DA SERVIZIO FAST-SERVICE »

CARATTERISTICHE TECNICHE

Peso complessivo: 1.220 grammi (tubolare)
Peso complessivo: 1.640 grammi (copertoncino)
ruota anteriore: peso 519 gr.
mozzo: Marchisio in Ergal UNI 7075, corpo centrale anodizzato, ruotante su quattro cuscinetti estraibili, schermati a doppia protezione con tecnologia PM+
per la massima scorrevolezza e leggerezza; ed estraibili per una migliore manutenzione. Flange con foratura poli direzionale.
cerchio: a profilo alto, altezza 38.5 mm, in carbonio.
raggi: 20, ultra piatti a sezione variabile, in acciaio inossidabile, cromati neri.
montaggio: a 20 raggi tangenziali; la centratura e il bilanciamento di ogni ruota prevedono un assestamento ad oltranza e il controllo elettronico tensione di ogni singolo raggio.
ruota posteriore: peso:711 gr. (SH) ; 719 gr. (CA)
mozzo: Marchisio
Costruito in Ergal 7075 dal pieno con progetto OVERSIZE ES. Assemblato con 4 cuscinetti estraibili schermati a doppia protezione con tecnologia PM+, per la massima scorrevolezza e leggerezza.
Corpo centrale anodizzato, dotato di inserti in acciaio nelle parti a più alta sollecitazione meccanica. Le flange dispongono di fori orientati in funzione della direzione del raggio sul cerchio, mentre il corpetto ruota libera – disponibile per sistema Campagnolo e Shimano – si smonta manualmente con estrema facilità, senza ricorrere all`uso di utensili.
cerchio: a profilo alto, altezza 38.5 mm, in carbonio
raggi: 24, ultra piatti a sezione variabile in acciaio inossidabile, cromati neri; rinforzati dal lato della ruota libera.
montaggio: a 24 raggi; incrociati su entrambi i lati. La centratura e il bilanciamento di ogni ruota prevedono un assestamento ad oltranza ed il controllo elettronico della tensione di ogni singolo raggio.
Available technical data: